T
Target
Obiettivo di prezzo di un movimento rialzista o ribassista.

Target price
"Prezzo obiettivo" è la traduzione letterale ed è il prezzo che si indica a conclusione di uno studio di analisi fondamentale o di analisi tecnica.

TASSI INTERBANCARI
Tasso d'interesse con il quale vengono remunerati i depositi in valuta nazionale, nei rapporti tra banche dello stesso paese.

Tasso di cambio
Rapporto di valore tra una moneta e un'altra, che esprime quanto il mercato apprezza una certa moneta in confronto alle altre, e che sintetizza la situazione economica e finanziaria di un paese.

Tasso di interesse
Rapporto percentuale tra il capitale dato in prestito o investito e l'interesse pagato, calcolato su base annua.

Tasso fisso
Flusso di interessi che, una volta concordato al momento della stipula del finanziamento, rimane stabile per tutta la durata del prestito.

Tasso variabile
Flusso di interessi che subisce variazioni nel corso del rapporto debitorio seguendo l'indice di riferimento cui è legato e che ne determina l'ammontare per ogni singola rata d'interessi.

Terminal growth
Nei modelli di valutazione DCF è l'assunzione più importante insieme al WACC. Indica il tasso di crescita medio proiettato all'infinito.

Terzo mercato
Mercato di quotazione dei titoli non presenti nei listini ufficiali.

TFR (Trattamento di Fine Rapporto)
Accantonamento di quote di stipendio, da parte del datore di lavoro, rivalutate annualmente ed erogate alla cessazione del rapporto di lavoro. Ha lo scopo di sostenere economicamente il lavoratore nel momento in cui non viene più percepito il salario.

TG (Target)
È l'obiettivo della strategia (TG1= primo target di riferimento; TG2= secondo target di riferimento).

Tick
Il termine Tick indica la variazione minima di prezzo, in diminuzione o in aumento, di un'attività finanziaria (azione, obbligazione, future).

Ticker
Codice identificativo di un titolo (azione, obbligazione...) utilizzato in una banca dati da un information provider (Reuters, Bloomberg).

Timing
È la scelta del momento ottimale nel quale realizzare una certa operazione di acquisto o vendita.

Titoli
Termine generico che indica i certificati rappresentativi dei diritti patrimoniali valutabili in denaro. Vengono definiti con questo termine sia le azioni che le obbligazioni o altri strumenti finanziari come warrant o option.

Titoli atipici
Gamma di titoli di credito emessi da società finanziarie per raccogliere fra il pubblico una quantità di denaro da investire in operazioni speculative. Si chiamano "atipici" perché sono stati inventati dalle società finanziarie che li hanno emessi, e non sono espressamente disciplinati dalla legge.

Titoli sottili
Sono detti sottili quei titoli caratterizzati da bassa liquidità e sui quali in genere si registrano rarefatti scambi di piccola dimensione. Per sostenere gli scambi la società di gestione del mercato (Borsa Italiana SPA) ha stabilito un orario di contrattazione più ristretto (12-15.30).

Titolo speculativo
Titolo obbligazionario che, a fronte di un alto rischio di mancanza di rimborso da parte dell'emittente, permette di ottenere un rendimento decisamente più elevato rispetto alla media del mercato.

TMT (Telecom-Media-Technology)
Sta a indicare il raggruppamento di tutti i titoli che fanno parte di questi settori e che sono in qualche modo coinvolti dalla forte innovazione dovuta allo sviluppo di Internet

Tracking error volatility
Rappresenta la deviazione standard della differenza tra i rendimenti del fondo e l'indice di riferimento. Misura la capacità del fondo di replicare l'indice o di discostarsi significativamente da esso. Vedi Index fund

Trade on line
Operazioni di acquisto e vendita effettuate in Borsa tramite computer.

Trader
Investitore con un'ottica di investimento di breve periodo e con alta movimentazione di portafoglio.

Trading
Parola inglese che significa operare, acquistare e vendere, in genere riferito a titoli quotati. Comunemente si intende l'operatività piuttosto esasperata nel breve periodo: acquisti e vendite a distanza di poco tempo per carpire anche piccole variazioni di prezzo.

Trading on line
Termine con cui sono indicate le operazioni finanziarie compiute attraverso la rete Internet.

Trading range
Banda di prezzi che racchiude tra i propri estremi le oscillazioni delle quotazioni. Grazie all'andamento oscillatorio, l'andamento dei corsi permette di attuare operazioni di trading in prossimità degli estremi dell'area citata.

Trading system
È un software che genera automaticamente segnali di acquisto e vendita senza l'intervento umano.

Trasferimento delle quote
Non prevede il trasferimento di ammontari di denaro ma solo delle quote di un fondo da un titolare a un altro.

Trasmissione di elettricità
Trasporto di energia elettrica lungo le reti interconnesse ad alta e altissima tensione dagli impianti di produzione, oppure, nel caso di energia importata, dal punto di consegna della stessa.

Trend
Indica la tendenza (rialzista o ribassista) seguita dal mercato o da un qualsiasi titolo, in riferimento a un intervallo di tempo considerato.

Trend line
Linee di tendenza inclinate tracciate sul grafico (ottenute congiungendo due o più punti di minimo in caso di tendenza al rialzo, oppure due o più massimi in caso di tendenza al ribasso), che evidenziano importanti supporti e resistenze dinamiche.

Trigger
In inglese significa "grilletto", indica cioè la molla che fa scattare qualcosa. Lo stesso significato è mantenuto nel gergo borsistico per indicare la molla che fa scattare gli acquisti su un titolo o sul mercato.

TUS (Tasso Ufficiale di Sconto)
È determinato con decreto del Ministero del Tesoro su proposta del Governatore della Banca d'Italia. Tecnicamente è il tasso al quale la Banca Centrale pratica il risconto alle banche ordinarie; in sostanza – insieme al tasso sulle anticipazioni e al Pronti Contro Termine – rappresenta un indicatore della politica monetaria attuata dall'Istituto d'Emissione.

A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
Y
Z